why is a raven like a writing desk ?
15 Aprile 2014    Reblog    
13 Aprile 2014    Reblog    

I love the way I became staying with you.
I hate the way I missing you

12 Aprile 2014    Reblog    
bloody-instinct:

this-is-the-story-of-a—girl:

black and white blog, I follow back similar

bloody-instinct:

this-is-the-story-of-a—girl:

black and white blog, I follow back similar

Cosa cazzo vuol dire non provare niente?

Mettiamoci comodi, e facciamo un viaggio nel nulla, forza.

Quando non provi niente, non ti lamenti intanto.
Non provi nemmeno provare la sensazione di frustrazione data dal blocco: semplicemente ti scivola sopra, ed oltre, senza lasciare nè traccia nè ferita.

Non provare niente significa davvero, in tutto e per tutto questo.

Non è un chiudersi in sè per dire “niente mi può toccare”, mentre dentro l’anima grida.
Non è neanche un fingere di non provare niente, e poi svegliarsi ogni giorno ed andare a dormire ogni notte domandandosi “perchè non sento niente?”.
E’ realmente… vuoto.
Una ripetizione di giorni e periodi in cui semplicemente scivoli, in cui semplicemente smetti anche di farti domande, smetti di cercare risposte.

Non entri qui su Tumblr, non pensi neanche ad accendere il pc.
Non consideri quello che hai perso, non ti interessa più quello che hai perso, o quello che non provi più, o quello che potrebbe succedere, o quello che è già successo giorno per giorno.

Non provi niente, è la negazione assoluta di qualsiasi cosa, ad iniziare da te stesso.

E proprio per questo, non la fai neanche finita con la tua vita, perchè anche farla finita con la tua vita significherebbe che sei arrivato a provare qualcosa, qualsiasi cosa, nei confronti di ciò che sei, e di ciò che ti circonda.
Ma non provare niente, niente davvero, significa anche che non hai più paura di come ti stai riducendo, nè di vivere, nè di morire.
Non sei niente, non diventi niente, e si annulla anche ciò che sei stato.
Semplicemente lasci passare il tempo, ti nutri, passi attraverso i giorni e le persone come un’ombra, e non ti possono toccare, guardare, sentire o percepire, perchè hai smesso di esistere nel momento in cui hai smesso di provare ogni cosa.
E tu per primo non ti curi di questo, non ti interessa fare nulla per essere sentito, essere ascoltato, lasciare una traccia di te.
Passano i giorni, gli anni, e tu nel tuo non provare niente non aspetti neanche la fine, perchè arriverà da sola.
E finirai dimenticato anche da te stesso, o forse ricordato in lacrime da qualcuno per cui non hai più provato niente da molto, da troppo.
Non sono occhi spenti, che se sono spenti vuol dire che si possono sempre riaccendere, o scarichi, che basta attaccare una presa e tornano a vivere.
Sono Vuoti. E Vuoti di quel genere di vuoto che non si può riempire, perchè non ha fondo, non ha confine, non ha più neanche tempo da chiedere.

Questo, vuol dire non avere più niente dentro.
E non è il caso di usare certi termini con così tanta leggerezza, nonostante lo facciano tutti.

Malkavian Madness Network (via entropiclanguage)

❝ Volevo solo essere la ‘tua persona’. Hai presente? Quella che pensi la mattina appena ti svegli, quella che è nella tua mente mentre ascolti una canzone, quando guardi un film e ti viene da pensare a lei. Quella che non ti importa i difetti perchè lei è sempre la migliore. Ecco, solo questo. ❞

(via seilacosacheaspetto)

Solo questo..

(via iaiapici)

my parents:  your teenage years are the best years of your life!
me:  you mean it gets worse